Un mondo a rovescio

Sono rimasta letteralmente affascinata da queste immagini fin dal primo momento.

fotografia di Norberto Ranzetti
fotografia di Norberto Ranzetti
fotografia di Norberto Ranzetti
 
Non smetterei di guardarle e di pensare non solo alla bravura del fotografo, alla bellezza del paesaggio in una splendida giornata d’autunno quando il sole riscalda ulteriormente i colori, ma anche, se non soprattutto, al messaggio che mi trasmettono.
Spesso una fotografia è la sintesi di una riflessione più complessa, fissata in un’istantanea.
Questi “quadri” evocano in me l’idea di un “mondo a rovescio” in cui non si sa più distinguere tra realtà e illusione.
Ruotiamo l’immagine
 

 
Se avessi visto per prima questa, avrei esclamato: “Bellissimo scatto!”, senza rendermi conto che la fotografia era al contrario; la differenza è davvero nulla …
In realtà, sono speculari, sembrano identiche, la visione non cambia, la prospettiva neppure, apparentemente, grazie a un effetto trompe-l’œil.
Le due componenti, quella reale, esterna, e l’immagine riflessa sono state ribaltate ma la scena pare non essere mutata.
Nell’acqua limpida si specchiano gli alberi e l’azzurro del cielo in modo talmente netto che quasi non si percepisce la differenza tra il bosco vero e quello virtuale.
I due elementi Terra e Aria sembrano incontrarsi nella linea orizzontale della superficie del lago in una fusione tra il paesaggio reale e la sua proiezione.
Ci si potrebbe metaforicamente attendere di vedere pesci che volano e uccelli che nuotano … appunto un “mondo a rovescio” in cui si invertono i piani dell’essere e dell’apparire in una sorta di intercambiabilità forse rassicurante e confortante.
In quale viviamo noi oggi? Travolti da una vorticosa spirale di avvenimenti, riusciamo ancora a cogliere l’essenza delle cose o ci fermiamo all’apparenza? E in questa seconda ipotesi, scientemente o inconsapevolmente?
Mi chiedo se questa condizione di confusione sia davvero necessaria e se, come afferma Zarathustra parlando alla folla, occorra “avere molto caos dentro di sé per partorire una stella danzante. Io vi dico: voi avete ancora del caos dentro di voi.” (Nietzsche, Così parlò Zarathustra, 1883-1885)
 
 

2 thoughts on “Un mondo a rovescio

  1. Le foto sono davvero piene di fascino. Tutto ci appare vero ma nulla lo è per davvero, Siamo umani, e molto limitati a credere alla nostra vista che ci inganna spesso
    Ancora un abbraccione di buon anno
    Mistral

    • Il concetto di “mondo a rovescio” ricorda le riflessioni pirandelliane: siamo uno, nessuno, centomila, multiformi e mutevoli, il moto del mondo è talmente veloce che spesso ci ingoia nella sua spirale. Riflessione amara e realistica, ma lo sforzo è quello di remare contro la corrente oggi dominante.
      Le foto le ha scattate un mio amico e sono davvero molto belle!! Sarà felice degli apprezzamenti.
      Grazie Mistral.
      Abbraccione
      Primula

Se lo desideri, fai una sosta e lascia il tuo pensiero

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...