Finché morte non ci separi.

Non è la data che conta, non la giornata “dedicata a..” ma la presa di coscienza di un problema che esiste tutti i giorni per donne meno fortunate di chi ha un marito, un compagno che coniugano amore con rispetto.

Selvaggia Scocciata

1235448_1429997227227011_664688508_n-1

Il 25 novembre succederà qualcosa di speciale, ma soprattutto di concreto.

Il 25 novembre donne e attrici di tutta Italia affronteranno contemporaneamente il problema sociale del femminicidio. Lo spettacolo sarà rappresentato in 21 diversi teatri italiani da 21 diverse compagnie proprio durante la giornata mondiale contro la violenza sulle donne.

Cosa posso fare io? (e anche tutti voi)

1 – posso andare qui http://www.eppela.com/ita/projects/566/finche-morte-non-ci-separi leggere con attenzione e condividere sul mio FB. Avrò già fatto tantissimo. Avrò condiviso la notizia e dato la possibilità ad altre persone di venire a conoscenza di un problema, di affrontarlo ed eventualmente lottare per risolverlo.  Il mio karma ringrazia, solo perché non ho fatto finta di nulla.

2 – posso METTERCI LA FACCIA. Sempre sul link di prima http://www.eppela.com/ita/projects/566/finche-morte-non-ci-separi posso vedere come sostenere la causa attraverso un video virale.Come hanno fatto loro.
Schermata 2013-10-29 a 16.10.54

Devo solo filmarmi mentre dico“MI CHIAMO IPAZIA FIORENTINI. E…

View original post 155 altre parole

2 thoughts on “Finché morte non ci separi.

  1. Cara Primula, Iniziativa meritevole, forte, di grande impatto.
    Purtroppo, questa lunga catena di vite spezzate( in nome dell’ amore) che, dell’amore non ha nulla, continua senza sosta a fare della donna vittime sacrificali
    Occorrono leggi vere che danno a questi codardi assassini la pena che meritano, no escamotage per tornare di nuovo ad uccidere.bBsogna educare fin da bambini a rispettare e proteggere la donna
    Un grande abbraccio
    Mistral

    • Cara Mistral, hai ragione.
      Devo tuttavia aggiungere che anche molte donne dovrebbero avere il coraggio di denunciare fin dai primi segnali anomali. Per aver conosciuto personalmente alcune situazioni, ho potuto constatare che purtroppo certi fatti vengono a galla quando ormai è troppo tardi. Alla classica domanda “Perché non l’hai detto prima?” segue l’altrettanto classica risposta “Pensavo cambiasse”.
      Le donne amano in modo totale e talvolta non vedono, o non vogliono vedere.
      Fortunatamente esistono uomini degni di questo nome che si indignano di fronte a tali comportamenti vergognosi tanto quanto noi donne.
      Un abbraccio Mistral e grazie per il sostegno a chi ha avuto l’idea di questa lodevole iniziativa.

Se lo desideri, fai una sosta e lascia il tuo pensiero

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...