Sinergie

L E G G E R E

L E G G E R E

 

S C R I V E R E

S C R I V E R E

 

F O T O G R A F A R E

F O T O G R A F A R E

 

Azioni diverse ma stesso scopo  :  FERMARE IL TEMPO.

 

 

12 thoughts on “Sinergie

    • Potremmo filosoficamente discutere di questo concetto.
      Vivere implica lo scorrere del tempo e la successione di momenti vissuti sì intensamente (a tal punto che sembrano bloccare le lancette dell’orologio) ma che comunque se ne vanno.
      Rimane il Tempo Interiore; quello si può davvero fermare con un gesto, un’azione che rendano immortale persino un istante. Come un “monumento” che sopravvive a noi.
      Riflessione impegnativa, credo, che vi “regalo” per la serata.
      Grazie ragazze/i della vostra costante attenzione.
      Vi abbraccio tutte/i 🙂
      Primula

  1. Cara Primula, arrestare il tempo attraverso uno scritto , una foto, una piacevole lettura è solo una mera illusione. Quelle emozioni sono andate via per sempre insieme al tempo
    Ti lascio un grande abbraccio
    Mistral

    • Questa volta mi permetto di non essere in totale sintonia con te.
      È vero che le emozioni se ne vanno con lo scorrere inesorabile del tempo, ma le parole, le immagini rimangono. Leggiamo per andare a recuperarle; scriviamo, fotografiamo, dipingiamo per immortalarle. Almeno, questa è la mia esperienza che ha fatto maturare in me un preciso punto di vista, personale e assolutamente opinabile.
      Grazie per avermi dato l’opportunità di precisarlo, cara Mistral.
      Bacioni.
      Primula

  2. La lettura, la scrittura e la fotografia in modo diverso ma così tanto affine, sono in grado di creare emozioni che, come tali, svaniscono nel momento stesso in cui ne percepiamo di nuove, ma sono in grado di incidere in noi qualcosa che rimane, ci cambia, ci fa crescere e migliorare! Amo leggere e scrivere su ciò che provo mentre lo faccio e amo prendermi cura di me stessa: quale medicina migliore se non un buon libro?
    Eva

    • Come non essere d’accordo con te? Amo l’arte in tutte le sue espressioni e sono profondamente convinta che in un quadro, in un libro, per citare solo due esempi, ci sia la permanenza di una vita, di sentimenti, emozioni che, è vero, se ne vanno perché sostituite da nuove, ma nel frattempo sono state catturate e “immortalate”. Non mi spiegherei altrimenti perché leggiamo ancora i classici o ammiriamo quadri del passato. Credo che siamo in perfetta sintonia.
      Grazie Eva. A presto e buona serata!
      Primula

Lascia un pensiero, se vuoi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...