Brotherly love

Avvento: tempo di attesa.
Vissuto in modo laico o come cammino cristiano, è per ognuno di noi un momento di particolare riflessione su ciò che è essenziale e conta veramente.

Un augurio di brotherly love a tutti e desidero inviarlo attraverso due splendidi brani

 

I was bruised and battered and I couldn’t tell

What I felt

I was unrecognisable to myself

I saw my reflection in a window I didn’t know

My own face

Oh brother are you gonna leave me

Wastin’ away

On the streets of Philadelphia

I walked the avenue till my legs like stone

I heard the voices of friends vanished and gone

At night I could hear the blood in my veins

Black and whispering as the rain

On the streets of Philadelphia

Ain’t no angel gonna greet me

It’s just you and I my friend

My clothes don’t fit me no more

I walked a thousand miles

Just to slip this skin

The night has fallen, I’m lyin’ awake

I can feel myself fading away

So receive me brother with your faithless kiss

Or will we leave each other alone like this

On the streets of Philadelphia

 

Ero malridotto e non riuscivo a capire

Cosa sentivo

Non riuscivo a riconoscermi

Vedevo il mio riflesso in una vetrina

E non riconoscevo la mia stessa faccia

Oh fratello mi lascerai

A consumarmi

Sulle strade di Philadelphia

Ho caminato lungo il viale finchè le mie gambe sono diventate come pietra

Ho sentito le voci di amici spariti e partiti

Di notte potevo sentire il sangue nelle vene

Nero e sussurrante come la pioggia

Sulle strade di Philadelphia

Non c’è alcun angelo che venga a salutarmi

Ci siamo solo io e te amico mio

I miei vestiti non mi vanno più bene

Ho camminato mille miglia

Solo per sfuggire a questa pelle

La notte è arrivata, sono sdraiato e sono sveglio

Mi sento indebolire

Quindi fratello ricevimi con il tuo bacio infedele

O ci lasceremo soli così

Sulle strade di Philadelphia

 

 

 

Sometimes I think that I know
What love’s all about
And when I see the light
I know I’ll be all right.I’ve got my friends in the world,
I had my friends
When we were boys and girls
And the secrets came unfurled.

City of brotherly love
Place I call home
Don’t turn your back on me
I don’t want to be alone
Love lasts forever.

Someone is talking to me,
Calling my name
Tell me I’m not to blame
I won’t be ashamed of love.

Philadelphia,
City of brotherly love.
Brotherly love.

Sometimes I think that I know
What love’s all about
And when I see the light
I know I’ll be all right.
Philadelphia.

A volte penso di sapere
Tutto su che cos’è l’amore
E quando vedo la luce
So che starò bene.Ho i miei amici al mondo,
Ho avuto i miei amici
Quando eravamo ragazzi e ragazze
E i segreti venivano svelati.

Città dell’amore fraterno
Luogo che chiamo casa
Non voltarmi le spalle
Non voglio essere solo
L’amore dura per sempre

Qualcuno mi sta parlando,
Chiamando il mio nome
Dimmi non sono da biasimare
Non vorrò vergognarmi dell’amore

Filadelfia
Città dell’amore fraterno
Amore fraterno

A volte penso di sapere
Tutto su che cos’è l’amore
E quando vedo la luce
So che starò bene.
Filadelfia.

colonne sonore di uno dei film, per me, più intensi degli ultimi anni il cui messaggio va ben oltre il tema specifico affrontato dal regista Jonathan Demme.

La musica è invasa dalla speranza … ascolta! …
Fu in quel dolore che a me venne l’amore.
Voce piena d’armonia e dice vivi ancora!
Io sono la vita! …
Tutto attorno è fame e fango?
Io sono divino! io sono l’oblio!
Sono il dio che scendo dai cieli per fare della terra un cielo.
Io sono l’amore … io sono l’amore … l’amore …

Andrew “Andy” Beckett (uno strepitoso Tom Hanks), malato terminale di Aids, “vive” le parole cantate da Maria Callas (dall’Andrea Chénier di Umberto Giordano); quale miglior messaggio di speranza?

25 thoughts on “Brotherly love

  1. Diventa sempre più difficile prendersi il tempo anche solo per “attendere”.
    L’attesa, la pausa sono momenti che confondiamo con l’immobilitá quando invece dovrebbero essere accolti come opportunità…
    Ti abbraccio forte Primula ❤

    • È vero Mita, spesso attribuiamo al “fare”, peraltro importantissimo, una priorità. Eppure come è importante fermarsi un attimo, tirare il fiato per raccogliere le energie non solo mentali ma anche fisiche!
      Bacioni ❤
      Primula

  2. Ciao dolce e cara Primula, le tue riflessioni in parole e musica mi fanno bene al cuore. Mi fanno fare un respiro a pieni polmoni e allentare la presa forte che spesso mi fa compagnia sulle spalle, sui nervi del collo e sulle tempie. beati i tempi in cui volevo andare a yoga e avevo il tempo per farlo! Allora brontolavo e mi stancavo, facevo male gl esercizi e dicevo che non servivano a nulla. invece uscivo dalla lezione ristorata e più calma. Dovrò trovare il tempo, nell’anno nuovo di ricominciare. Ti ringrazio per esserci e ti chiedo come si fa per avere la neve che scende: mi mette molta serenità nel vederla. Ti offro un caffè dell’amicizia e ti mando un abbraccio stretto stretto, se lo accogli. Fabiana.

    • Fa bene ogni tanto rallentare il ritmo e allentare le tensioni. Per ora godiamoci l’atmosfera di attesa, i progetti per l’anno nuovo li faremo a gennaio, abbiamo tutto il tempo per riflettere.
      Grazie per il caffé e sopprattutto per l’abbraccio. Certo che lo accolgo! e ora ti arriva il mio! 🙂
      Tanta serenità cara Fabiana!
      Primula

      • Ah! Dimenticavo la neve! È un’opzione di WordPress, la trovi nelle impostazioni generali.
        Assolutamente facoltativa ma io la trovo carina. Se selezionata resta attiva fino ai primi giorni di gennaio.

  3. Mi sono fermata Primula, ho letto il Tuo post ed ho ascoltato la musica.
    Ferma ho assaporato le parole e ho riflettuto sul significato della Vita.
    E’ stato un bel momento. Per tutto questo, grazie ♥
    Un forte abbraccio
    Affy

  4. mi auguro siano in tanti a raccogliere il tuo appello/speranza, ciò che oggi scarseggia, latita, più di ogni altra cosa è proprio quel “brotherly love” che menzioni.

  5. Il film è meraviglioso e la colonna sonora fantastica. Non tutte le attese sono piacevoli.
    L’ amore fraterno è quasi del tutto scomparso. Sono rimasti soltanto egoismo e arroganza.

    • Purtroppo è realistico dirlo. Ma non rinuncio mai a lanciare nel mio piccolo messaggi di ottimismo. In fondo, credo che esistano molte belle persone che non fanno purtroppo notizia. Se penso ad esempio a quanti ragazzi fanno volontariato!
      Infine, sull’attesa. Ognuno la vive secondo la propria storia e sensibillità. È assolutamente nella logica delle cose.
      Ti ringrazio per esserti fermata. 🙂
      A presto!
      Primula

  6. vidi questo film in prima o seconda media, grazie a una professoressa d’italiano splendida e davvero avanti, che ci fece scoprire anche “Roma città aperta” e “Schlinder’s List”. Ogni volta che rivedo Philadelphia, è una doppia gioia, per il film e per il ricordo della mia prof.

    • Mi fa piacere avere in qualche modo contribuito a questo bellissimo ricordo. Dev’essere stata una prof davvero in gamba! Far vedere a degli alunni un film come Philadelphia è davvero encomiabile e credo che abbia dovuto superare qualche ostacolo. Sono stata insegnante anch’io per anni e conosco bene il clima.
      Grazie! Anche per avermi confermato che di bravi insegnanti ce ne sono tanti!
      Primula

Lascia un pensiero, se vuoi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...