Visione

 

Straccio bucato –

un camino acceso,

cielo stellato.

 

© Primula – Ma bohème

 

Ascoltando la voce di Alice in Visioni di Juri Camisasca (dall’album Il sole nella pioggia, 1989)

 

43 pensieri su “Visione

  1. Avevo scritto un commento ma l’ho perso 🙁
    Ti dicevo che appena l’ho letto ho pensato che è il lato da cui si guardano le cose che fa gli occhi nuovi.
    Un grande abbraccio Primula :*
    Ps tu sei stata la prima a farmi conoscere tempo fa con un tuo commento questa forma letteraria (la mia ignoranza, lo sai, è un pozzo da riempire di scienza 😉 ) perciò: Grazie!!!

    • Io ho ricevuto due commenti più o meno simili. Tengo buono questo 😉
      Quello che dici è l’essenza della visione: un oggetto qualunque diventa altro grazie alla capacità dello sguardo. Sai che non ricordo di averti parlato dell’haiku? Ah, l’età… 😄 inoltre io non ne scrivo mai, oggi mi è capitato un momento così. E l’ho acchiappato al volo.
      Ma grazie a te!!!!
      Un grande abbraccio. 😘
      Primula

  2. Uno straccio rotto su una lampada ha prodotto cotanta bellezza … un haiku di spessore! 😉
    E bellezza e spessore ritrovo nel testo di Juri Camisasca! 😉
    Complimenti Primula, grazie per questo momento.
    Un abbraccio grande ♥
    Affy

    • Eh, mai sottovalutare i poveri stracci rotti! 😀
      Il testo di Camisasca è straordinario, come molti altri suoi. L’ho trovato in perfetta sintonia con il dipinto che ho allegato, opera di una giovane artista emergente bolognese. Molto brava secondo me.
      Un abbraccio anche da qui Affy <3
      Primula

Fai una sosta e lascia un pensiero se vuoi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.