Paradossi

Il 25 aprile è l’evento fondativo della Repubblica italiana, è la guerra (vinta) di liberazione dall’invasore tedesco e dalle forze nazi-fasciste. Questa è la storia.

Non esisterebbe 2 giugno senza 25 aprile.
È festa del popolo italiano, della nazione italiana.

In un periodo in cui il “sovranismo” sventola il vessillo dell’italianità, giova ricordare che a fronte di chi ha infangato la bandiera italiana gettandola nella melma di un’alleanza ideologica con un delinquente nazista e in una guerra impossibile, i partigiani combattevano per quella bandiera e le loro azioni erano davvero compiute in nome di “prima gli italiani”. Invece, oggi 24 aprile 2019, un gruppo d’individui può esibire pressoché indisturbato lo striscione “Onore a Benito Mussolini”, cantare slogan fascisti, fare il saluto romano. Il tutto in pieno centro di Milano.

Paradosso odierno che significa veramente non capire, non sapere, ignorare, millantare. L’assuefazione di chi osserva sembra essere la reazione quasi ricorrente.

La Resistenza è il lungo lavorio che ha condotto al 25 aprile 1945, un movimento nato dopo l’armistizio di Cassibile nel ’43 e uscito dalla clandestinità in cui i piccoli gruppi partigiani si erano rinchiusi. La Resistenza è infatti durata vent’anni in realtà, lo ricorda Piero Calamandrei nel discorso pronunciato il 28 febbraio 1954 al Teatro Lirico di Milano alla presenza di Ferruccio Parri.

«l’antifascismo significò la Resistenza della persona umana che si rifiutava di diventare cosa e voleva restare persona: e voleva che tutti gli uomini restassero persone: e sentiva che bastava offendere in un uomo questa dignità della persona, perché nello stesso tempo in tutti gli altri uomini questa stessa dignità rimanesse umiliata e ferita. Cominciò così, quando il fascismo si fu impadronito dello Stato, la Resistenza che durò venti anni. Il ventennio fascista non fu, come oggi qualche sciagurato immemore figura di credere, un ventennio di ordine e di grandezza nazionale: fu un ventennio di sconcio illegalismo, di umiliazione, di corrosione morale, di soffocazione quotidiana, di sorda e sotterranea disgregazione civile. Non si combatteva più sulle piazze, dove gli squadristi avevano ormai bruciato ogni simbolo di libertà, ma si resisteva in segreto, nelle tipografie clandestine dalle quali fino dal 1925 cominciarono a uscire i primi foglietti alla macchia, nelle guardine della polizia, nell’aula del Tribunale speciale, nelle prigioni, tra i confinati, tra i reclusi, tra i fuorusciti. E ogni tanto in quella lotta sorda c’era un caduto, il cui nome risuonava in quella silenziosa oppressione come una voce fraterna, che nel dire addio rincuorava i superstiti a continuare: Matteotti, Amendola, don Minzoni, Gobetti, Rosselli, Gramsci, Trentin. Venti anni di resistenza sorda: ma era resistenza anche quella: e forse la più difficile, la più dura e la più sconsolata.»

La Costituzione è la figlia di quella stagione: finché ci sarà lei, il 25 aprile e quanto rappresenta troverà ogni anno la sua ragione profonda. L’istituzione politica ha pertanto l’onere e l’onore di dare solennità alla memoria, alla Storia; se non lo fa, tradisce la storia dalla quale è nata. La scelta del sindaco Laura Ferrari di Lentate sul Seveso circa l’annullamento delle celebrazioni, o la loro riduzione a una corona deposta sui caduti, decisione motivata dalla necessità di «un momento di riflessione» e «anno sabbatico », si giudica da sola ricordando che il Decreto legislativo luogotenenziale 22 aprile 1946, n. 185 (Disposizioni in materia di ricorrenze festive. (Gazz. Uff., 24 aprile 1946, n. 96) all’Art.1 recita «A celebrazione della totale liberazione del territorio italiano, il 25 aprile 1946 è dichiarato festa nazionale», deliberazione ribadita dalla legge 260 del 27 maggio 1949.

Ricordare il giorno della Liberazione non è perpetuare un «derby fascisti-comunisti»: la visione del ministro dell’Interno è sbilenca, sballata, storicamente errata poiché la bilancia del giudizio pende solo dalla parte del “dopo” e scorda il “prima”, ossia l’essenza stessa della Resistenza, confonde lotta per la Liberazione e guerra civile – poiché quella è stata nel ’45 – con tutte le aberrazioni che un conflitto interno e fratricida comporta.

Nessuno storico nega più ormai alcune violenze partigiane che non colpirono solo chi si era compromesso col fascismo, ma in certi casi toccarono anche antifascisti e altri partigiani, vedi massacro di Porzûs. Si era in guerra civile, il che non giustifica affatto la violenza, anzi, ma la contestualizza, come ogni buon storico fa. Inquadrare non significa scagionare.

Questo è tuttavia il “dopo” che dovrebbe essere archiviato all’unanimità, storicamente giudicato all’unisono per ciò che è stato, da non confondere con il “prima”, l’anima della Resistenza che ha visto il sacrificio di donne, uomini, operai, contadini, intellettuali, preti, laici, cattolici, atei… tutti uniti e solidali attorno all’idea di libertà, unità, umanità, solidarietà, in nome di una nazione e di un popolo da rifondare alla radice.

Ebbene sì, la lotta antifascista è al contempo patriottica. Ai miei occhi, il partigiano è un patriota, nel senso ampio e profondo di un termine oggi politicamente abusato.

Non vedere il rilievo ampio della Resistenza significa essere privi di prospettiva. I valori portanti non muoiono mai e sono alla base della nostra Costituzione su cui i ministri giurano all’inizio del loro mandato. Dovrebbero ricordare ogni giorno quel giuramento.

«Dietro ogni articolo di questa Costituzione […], voi dovete vedere giovani come voi caduti combattendo, fucilati, impiccati, torturati, morti di fame nei campi di concentramento, morti in Russia, morti in Africa, morti per le strade di Milano, per le strade di Firenze, che hanno dato la vita perché la libertà e la giustizia potessero essere scritte su questa carta. Quindi, quando vi ho detto che questa è una carta morta, no, non è una carta morta, è un testamento, è un testamento di centomila morti. Se voi volete andare in pellegrinaggio nel luogo dove è nata la nostra Costituzione, andate nelle montagne dove caddero i partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati, nei campi dove furono impiccati.»

(discorso di Piero Calamandrei agli studenti milanesi, 26 gennaio 1955)

Ecco: un invito per le istituzioni odierne, se proprio desiderano andare altrove e rappresentare, per esempio, la lotta alla mafia (Salvini a Corleone), atto sacrosanto ma per nulla antitetico al ricordo della Resistenza e quindi fattibile in altre circostanze. Il generale Dalla Chiesa, partigiano nella Brigata Patrioti Piceni e vittima della mafia, ne è stato un’altissima testimonianza.

Da cittadina, antifascista e libera, elettrice consapevole e impegnata, pretendo correttezza e linearità da chi governa. Assisto invece oggi al paradosso costante e generalizzato: la confusione tra “prima” e “dopo” il 25 aprile, il vortice di pseudo idee in cui tutto è macinato senza distinguere e progettare, la contraddizione tra pretendere il giusto rispetto delle regole e il continuo infrangerle mettendosi al di sopra e fregandosene, per esempio, del silenzio elettorale – il ministro dell’Interno lo fa in modo scientifico – e di comportamenti intrinsecamente connessi al ruolo istituzionale.

«In anni non lontani, c’è stato anche chi ha proposto di abolire il 25 aprile dal calendario civile. Temo che prima o poi si arriverà a cancellarlo. Perché il tempo è crudele: livella i ricordi e confonde la memoria, mentre le persone muoiono e le generazioni passano.»

scrive Liliana Segre su Repubblica il 23 aprile 2019.

Considerazione triste e amara che vorrei superare, sempre più convinta che noi italiani non possiamo non essere antifascisti, e ciò indipendentemente dall’orientamento politico personale. Per me, l’antifascismo è uno stato mentale, culturale, non ha nulla a che fare con l’adesione o la simpatia verso questo o quel partito. La Resistenza ha creato una condizione di libertà di cui oggi sono in grado di beneficiare tutti, anche chi la irride, non ne riconosce l’enorme valore, la giudica con faziosità accusando altri di altrettanta parzialità, inconsapevoli, forse, che la loro critica è possibile proprio grazie a questo movimento.

 

16 thoughts on “Paradossi

  1. Grazie Primula. Grazie perché i tempi sono cupi e “saperti” è sapere, ricordarsi che da qualche parte non lontano c’è certamente un gran numero di persone che non dimenticano, e agiscono per quello che sanno, che per fortuna è quello che sono.

    • Ivan! Che piacere e gioia leggerti. 😊
      Mettiamocela tutta nel cercare di fare coincidere conoscenza e azione, nella coerenza tra sapere ed essere, altrimenti siamo edifici senza fondamenta.
      Un abbraccio grande.

  2. post bellissimo e necessario, soprattutto ora. Bisognerebbe distribuirlo in tutte le scuole. Come hai precisato, la Costituzione, l’attuale libertà, l’Italia, è nata proprio in questo giorno. Toglierlo sarebbe un sacrilegio estremo, l’inizio di un’altra guerra civile, perché la “memoria”, non può essere cancellata !

    • Sottoscrivo e ribadisco carissimo. Il nostro, tu-mio-e-dimolti, amore per la libertà che è stata regalata alle nostre generazioni è rispetto e amore per la nostra nazione. I partigiani sono i veri patrioti che hanno onorato sul serio la bandiera italiana. Possono dire la stessa cosa i “sovranisti” di oggi che parlano di e ai “patrioti”? Cosa stanno sacrificando per il bene comune? Nulla. Riflettessero un po’ sulla Storia e il significato degli eventi. Non si può dimenticare da dove si è venuti, è un grandissimo errore, hai ragione.

    • Buona conclusione di questa giornata!
      Oggi, come ciliegina sulla torta, mi è capitato di leggere un commento che si giudica da solo: «Non ho mai visto nessuna nazione festeggiare per avere perso la guerra!!» segue faccina che ride a lacrime. Ecco, siamo messi così… La Storia, questa sconosciuta.

  3. del tutto d’accordo con le tue parole. Il 25 aprile deve essere nel cuore di tutti. Chi dimentica o finge di non vedere quello che c’era prima è in malafede e il nostro ineffabile ministro, che dovrebbe rappresentare tutti, dice che non celebrerà questa data. Dunque è spergiuro, perché ha giurato di rispettare la Costituzione mentre non lo fa.

    • Infatti il ministro – la minuscola è voluta – è andato altrove come se i due impegni non fossero compatibili.
      È la solita provocazione di un uomo che ricorda molto un certo passato ponendosi al di sopra di tutto e di una Carta su cui ha giurato, l’istigazione di un uomo che sta ingannando anche i suoi stessi elettori, è mia opinione da sempre.

  4. a me che Salvini e altri si chiamino fuori dalla festa di liberazione mi sembra un’ottima notizia, perchè, vedi primula, 25 non è un numero tondo come un cappello adatto a qualunque testa, è un numero aguzzo come un crinale di montagna che fa da spartiacque: guardi dove cade la goccia e capisci se sarà mediterraneo, atlantico o mar nero. Così guardo da che parte “cade” ogni individuo rispetto a questa data e capisco quanto (poco) vale.
    ml

  5. Fosse possibile su wordpress mettere 3, 5 10 like, lo farei per questo post.
    Applaudo te che hai scritto verità sacrosante. Il 25 Aprile e la Costituzione Italiana sono da amare, difendere e proteggere a oltranza. La memoria non può essere cancellata, deve divenire guida per il futuro e la libertà da ogni tipo di dittatura è sempre da scegliere. Sempre.

    Marirò

Fai una sosta e lascia un pensiero se vuoi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.