Riflessioni d’estate

 

 

 

Il periodo fine giugno inizio luglio nella campagna padana è stupendo.

L’afa toglie spesso il fiato. Sullo sfondo azzurro pallido del cielo illuminato da un sole accecante, la visione dei campi di grano color giallo oro, le spighe come pennellate, è però un piacere per gli occhi.

Girare in bicicletta sulle stradine tra i campi nel silenzio interrotto solo dal canto delle cicale, stridente e monotono, vedere in lontananza le persiane semichiuse delle case, intuire il fresco degli interni e l’abbraccio dell’ombra ristoratrice mi dà ogni volta la sensazione che il tempo si fermi.

Il grano: natura in festa, simbolo di piena crescita, rigenerazione della terra, fecondità. Se ogni spiga fosse una mente? La germinazione metafora di una (ri)nascita delle coscienze? (Ri)maturazione di un’anima collettiva?

Dopo un lungo periodo di esperienza gobale intensa – sanitaria, economica, sociale – è il momento, e il tempo, di (ri)conciliare convivenza e solidarietà.

Osservo il campo, la sua estensione, la compattezza delle spighe, e rifletto sul potere creativo della Storia, sulla forza e il potenziale di un’umanità coesa.

La storia siamo noi, […]
Siamo noi questo prato di aghi sotto il cielo.

Questo rumore che rompe il silenzio,
Questo silenzio così duro da masticare.
La storia siamo noi, siamo noi padri e figli,
Siamo noi, bella ciao, che partiamo.

La storia siamo noi,
Siamo noi questo piatto di grano.