Un panno di carità

Oggi lascio qui una meditazione per te amica/amico che passi, ti soffermi e leggi.

Una poesia per chi non crede, anche una preghiera per chi ha fede, per tutti comunque un’occasione di riflessione.

La Veronica asciuga il volto di Gesù

Dove grondava sangue e sudore,

dove le spine rompevano l’antica alleanza

apparve un fazzoletto, un lampo

di lino e di sostanza

e gli occhi pietosi sciolgono le montagne,

sciolgono le foreste di asfalto.

Il cadere del verbo,

lo schiocco del loro silenzio,

il guardarsi nel fulmine sono

dentro il panno, in un panno di carità:

in un attimo solo i gesti di pietà

si congiungono in un appello supremo

contro il vuoto della bestemmia.

Giuseppe Rotoli, Porta luce il dolore, ed La Vita Felice

La Veronica asciuga il volto olio su tela - Carlo Cocquio (1899 - 1983)

La Veronica asciuga il volto
olio su tela – Carlo Cocquio (1899 – 1983)

Veronica deterge il volto di Cristo che trasporta la croce. Un momento della Passione ricordato in una stazione della via Crucis.

Poco importa se la “pia donna” sia vera o verosimile, esistita realmente in questo ruolo o frutto della fantasia degli autori dei Vangeli apocrifi.

Veronica è metafora dell’essere umano che soffre nel vedere soffrire, che soccorre come solo una donna sa fare .