Le mie pagliuzze di Dora Buonfino

Mercoledi 19 aprile 2017, h. 18, Circolo dei Lettori di Torino. Persone entrano nella Sala della Musica, dove è presentato per la prima volta il libro di Dora Buonfino Le mie pagliuzze pubblicato da Le Parche Edizioni nel marzo dello stesso anno. È il secondo lavoro di Dora Buonfino, il suo primo romanzo dopo la raccolta di racconti Scrivo per te (settembre 2016, Le Parche Edizioni). Si potrebbe definire Il libro della vita per il tema delicato e drammatico, l’abuso sui minori, che Dora ha purtroppo vissuto e subìto da bambina.

Le mie pagliuzze è un’opera autobiografica quindi, scritta in prima persona, in cui l’autrice evita tuttavia di mettere se stessa sotto i riflettori. Con un’accortezza tipica di molta narrativa di questo genere letterario, sceglie il personaggio fittizio circondato da altri tutti con identità inventate e corrispondenti a persone realmente esistite per personalità, caratteristiche e ruoli.
Alla base della scelta esistono senza dubbio preoccupazione e delicatezza di tutelare se stessa e altri. Sul piano narrativo, è un’operazione studiata: non importa sapere chi abbia fatto cosa, commesso atti gravi, si sia comportato in modo riprovevole. L’importante è la molestia in sé, non il molestatore A o la molestata B. La mancanza di precisi riferimenti biografici proietta il racconto su un piano generale e universale. Non si tratta solo della “vicenda Dora Buonfino”, tutti i bambini abusati sono rappresentati attraverso lei. Non è un caso se la protagonista non ha nemmeno un nome: il dato autobiografico è elevato a emblema di un dramma.

L’abuso minorile è una realtà spesso trascurata, sottovalutata o rappresentata male. Era necessario che un vissuto personale servisse da punto di riferimento: la generosità dello scrittore, e della scrittura che vuole trasmettere un messaggio, richiede sovente l’annullamento del proprio io per qualcosa di più grande e più ampio da sé. La denuncia di un problema molto serio avviene attraverso l’analisi delle sensazioni di una bambina abusata perché la donna che è diventata oggi si liberi da tutto quanto può scaturire dal sopruso subìto: la percezione di essere un oggetto, un «giocattolo» nelle mani di un adulto, il rancore, lo schifo, il disagio, il senso di colpa.

Anche il tempo e lo spazio appaiono indefiniti.
I soli elementi che scandiscono il tempo sono l’età della bambina – cinque anni, dieci anni, l’adolescenza, l’età più adulta ma non precisata – e il susseguirsi delle stagioni. Non esiste alcuna collocazione temporale in un periodo ben specificato. L’azione può svolgersi negli anni ‘50, un anno fa, ieri come oggi. Non è inoltre indicata alcuna città. Può essere del Nord, Sud o centro, grande o piccola. Le informazioni spazio-temporali non sono determinanti per circoscrivere il problema, altro aspetto che conferisce alla narrazione uno spessore di generalità trascendendo la situazione personale. L’abuso avviene ovunque, è un evento tragico non limitato a una specifica geografia umana e sociale.
L’unico luogo ben descritto è la casa della nonna con la stanza della mamma della protagonista, quella in cui la donna dormiva da piccola. Tra quelle quattro mura, la protagonista subisce l’abuso per la prima volta a cinque anni.

«Mi ero quasi lasciata andare al sonno, quando cominciò a carezzarmi. Gli chiesi perché mi stesse toccando in quel modo, lui rispose che voleva spiegarmi una cosa importante, che voleva farmi un regalo.
L’indomani avrei compiuto cinque anni e come regalo mi aveva trascinata nel mondo degli adulti.»

Qui l’abuso si ripeterà varie volte: è quindi uno spazio simbolo, metafora della frequente mancanza di protezione dai pericoli all’interno delle mura domestiche. La casa e la famiglia non sono sempre un rifugio.

Vittorio è l’abusante di cui Dora tratteggia un ritratto eloquente. È un seduttore della mente che conosce alla perfezione le esigenze della bambina, sfrutta il suo desiderio di affetto e considerazione poiché sa bene che il rapporto con la mamma e anche con il papà non è certo dei migliori. Gioca con questo bisogno e si mostra come l’unico che la faccia sentire «grande» e importante, che non la lascia sola. È un vigliacco prestigiatore che s’insinua nella psiche della bambina fino a farsi credere indispensabile.

«[…] lui era la persona più sincera della famiglia, […] non mi mentiva e mi parlava in maniera schietta, rappresentava una fonte di cultura e la possibilità di imparare tutto, ed era l’unico a regalarmi dei libri, l’unico a dire che valevo molto.»

Non solo, ha una dannata abilità nel far ricadere la responsabilità sulla piccola

«[…] mi diceva che facevamo quelle cose perché anch’io le volevo, che lui non mi avrebbe mai obbligata. […] Assicurava, inoltre, che non c’era nulla di male nel farlo, ma che gli altri non avrebbero capito.»

Non è mai stato violento, non le ha procurato dolore fisico. Siamo tuttavia ben coscienti del disastro che può causare la violenza anche psicologica. La bambina cresce con un senso di colpa che la domina e sembra quasi invincibile. Tende ad attribuire a sé qualunque cosa funzioni male, come i rapporti tormentati con l’altro sesso, i dubbi che accompagnano la convivenza con un uomo quando sarà cresciuta, la convinzione che il corpo sia un male perché «non è libera di amarlo.»

«Un corpo che più di una volta avrei voluto cancellare dal mondo, un corpo che non amavo.»

L’adolescente che cresce, cambia forma e aspetto, diventa pian piano donna, lo copre con gonne lunghe e maglie larghe.

L’abuso non è raccontato con dettagli pruriginosi. Anzi, i particolari erotici mancano completamente nel libro in cui si evoca ma non si esplicita. Si accenna a sfioramenti, toccamenti anche occasionali, alle istruzioni per l’autoerotismo, l’insegnamento che «il corpo non serve solo per sostenere la testa […], anche da sola, avrei potuto farne uso.» Il libro non ha l’intento di stuzzicare corde di morbosità, deve e vuole mettere al centro il problema delle molestie sui minori senza trasformare il lettore in un guardone. Conta il danno provocato, pesa il dramma interiore che nasce e si sviluppa. Eventuali scene di sesso innaturale non solo non avrebbero aggiunto nulla – tutti siamo in grado di immaginare quanto succede – anzi avrebbero tolto molto al messaggio che questo libro vuole comunicare. L’abuso violenta soprattutto l’anima, dà una percezione sbagliata del sesso, rende incapaci di crescere nella possibilità di costruire rapporti lineari, deforma l’immagine del maschio

«maschio era il vecchio bavoso che, seduto davanti al bar, con lo sguardo mi accompagnava nel cammino; maschio era il giornalaio che sfogliava riviste porno tra un cliente e l’altro; maschio era il verduriere che non mancava di provarci con tutte le clienti; maschio era il vecchio del piano terra che passava le sue giornate affacciato alla finestra, usando il marciapiede come sputacchiera.»

L’abuso fa inoltre soffrire di un’immensa solitudine. Sì, perché la bambina, l’adolescente, la ragazza si sentirà sempre sola nella sua sciagura.

Un modo per sconfiggere la solitudine, superare il senso di colpa e tentare di vincerlo è il desiderio di informare gli altri, la ricerca perciò di una soluzione fuori da sé. Scelta difficile, non un passo che la protagonista compie a cuor leggero. Prima lancia segnali attraverso comportamenti che forse una madre avrebbe dovuto cogliere e interpretare, con qualche frase scritta e fatta leggere a chi subito non intuisce.
Racconta la verità a Stefano, poi alla mamma, in seguito a Giacomo. Un altro personaggio è inoltre al corrente della situazione: una donna che abita nel palazzo della protagonista e che, dalla finestra dove trascorre in pratica tutta la giornata, ha visto qualcosa

«Sai, un giorno ti ho vista mentre baciavi Vittorio.»

Interessante inversione dei ruoli, lo sguardo di chi vede solo ciò che vuole vedere e non va oltre. Sarebbe troppo impegnativo porsi domande e tentare di darsi risposte sul vero responsabile. 

«Però non l’ho detto mai a nessuno.»

Ognuno di questi personaggi reagisce in modo diverso: Stefano non commenta, la mamma non le crede e si arrabbia:

«Non dire sciocchezze»
«E adesso non andare in giro a raccontare queste sciocchezze!»

Giacomo sminuisce:

«Mi dispiace. […] Questo accade in un sacco di famiglie, purtroppo, ma tu non ci pensare più, chiudi la porta e butta la chiave, […] ora è finito tutto.»
«Non temere, non lo dirò mai a nessuno” disse per confortarmi. «Tu però cerca di essere discreta, non parlarne se non vuoi che lo sappia mezzo mondo.» […] «Mi raccomando, non dirlo mai a nessuno!»

Anche la vicina, a conoscenza del bacio e forse anche di qualcos’altro, rassicura la ragazza che non l’avrebbe mai detto a nessuno.

Tutti hanno in comune un comando: non dirlo a nessuno, frase che già Vittorio ripeteva in continuazione alla bambina. Confessare significa dare forma a un atto, concretezza a un gesto, rendere evidente un drammatico segreto. Ogni volta che la protagonista racconta, seguono però momenti di chiusura: la parola pronunciata, anziché aprire, ostacola la soluzione. Dichiarare equivale a perdersi. La parola esce a fatica quasi debba percorrere i meandri di un labirinto, deve combattere la vergogna, il pudore, la temuta incomprensione del mondo esterno. Se il mostro esce dal dedalo, perde la sua esclusività per diventare patrimonio collettivo. L’universo circostante allora, familiare e sociale, una volta compartecipe del segreto, deve prendersene carico. Disarmante, destabilizzante, meglio non sapere ed esortare al silenzio.

L’unica vera possibilità è la scrittura.
Grazie a un incontro fondamentale con un personaggio importante, alla fine del libro si scopre che la protagonista è arrivata all’ultima riga del romanzo.
La scrittura è reazione al non-dirlo-a-nessuno, corrisponde alla necessità di ricordare, al rifiuto di «tenere la realtà confinata in un anfratto della mia mente» e di dimenticare

«non ci pensavo neppure a relegare la mia storia in un angolo buio del mio inconscio.»

La salvezza risiede nella non rimozione, nell’avere ben presente l’accaduto per poterlo dominare.

Le mie pagliuzze può perciò essere interpretato come un romanzo di iniziazione, un libro nel quale la protagonista affronta prove difficili della vita come la sofferenza, in questo caso l’abuso sessuale, penetra in un mondo diverso da quanto, sempre in questo caso, la normale vita di una bambina prevede, si avventura in un’indagine interiore ritrovandosi completamente trasformata.

Il libro diventa una ricerca spirituale, la storia di un dilemma tra parlare e tacere. Alla fine si supera il senso di colpa, si vincono le incertezze e la protagonista prende possesso di sé, del suo corpo e della mente.
Le mie pagliuzze è anche quindi la storia di un romanzo che si fa, che scrive se stesso, la narrazione del superamento di un contrasto, un libro di ricordi, certo, ma rivolto al futuro e non ripiegato sul passato. La scrittura è strumento di liberazione e rinascita di un’identità. La protagonista ha trovato in se stessa la forza di creare un romanzo e con lui ri-creare la propria vita annullando anche la distanza temporale tra infanzia ed età adulta nella riconquista di momenti che le erano stati rubati.

Il libro inizia evocando il libro:

«Ho quasi completato la formula, fra un po’ sarò in grado di intraprendere il viaggio. Spero che questa volta funzioni, non voglio una nuova delusione. Vediamo, mi sembra di avere tutto: la lista delle cose da cambiare, le forbici per tagliare di più… Sì, ho anche il diario dove scrivere ciò che non voglio dimenticare.»

e termina parlandone di nuovo

«Ora della mia libreria c’era uno spazio vuoto, il posto giusto dove sistemare il libro […] il mio mondo capovolto.»

Tra i due momenti, una vita sbagliata cui si accenna con un verbo al passato nelle righe finali del romanzo. Il cerchio si chiude: il mondo non è più capovolto.

 
 
 
 
 

Le radici nell’anima

Ed eccolo qui finalmente!

le radici nell'anima copertinaLa creatura ha visto la luce, il neonato emette i primi gridolini alle carezze di alcune mani che iniziano a sfiorare copertina e capitoli. È anche già consapevole che qualcuno seguirà la sua crescita e grato a chi veglierà sul suo sviluppo.

Fuor di metafora, Le radici nell’anima è un libro cui tengo molto per varie ragioni e ben oltre l’eventuale riscontro.

Un racconto incontra orecchie attente, il ricordo incrocia una penna.

Con queste parole, nella breve prefazione, motivo sinteticamente la sua genesi. È infatti il frutto di una collaborazione tra voce narrante e parola scritta, la prova che è possibile trasformare un’occasione in opportunità.

Tutto è iniziato mentre sfogliavo le pagine di alcune memorie e ascoltavo episodi di vita di un ragazzo del ‘26 dalla sua stessa voce. È Guido, oggi giovane novantenne, che ha aderito con entusiasmo al progetto: far confluire le sue riflessioni, sparse qua e là, in una narrazione strutturata.

Non si tratta di una biografia nel senso classico del termine né di un’autobiografia benché l’io narrante sia appunto Guido. È un susseguirsi di flash dei momenti più intensi di un percorso esistenziale.

Dapprima la comunità di una cascina della campagna cremonese con abitudini e tradizioni lontane nel tempo e pure così attuali nei valori fondanti.

La cascina era, e rimane tuttora nel mio cuore, soprattutto una comunità. Non esagero se la definisco una grande famiglia, e non solo perché spesso gli abitanti si sposavano tra loro. Ci univano affetto autentico, profondo rispetto, amicizia vera, fiducia, regole di comportamento mai scritte e basate su una mutua intesa talmente erano radicate in ognuno: dalle porte delle case sempre aperte, anche di notte, al “voi” con cui noi ragazzi ci rivolgevamo a genitori e adulti e che spesso era usato persino tra coniugi…
La disponibilità verso gli altri era totale. Capitava spesso, per esempio, che mi fermassi a mangiare nella casa del vicino o che i miei amichetti pranzassero o cenassero da me. Benché a quel tempo le famiglie fossero numerose e avessero tutte da quattro a cinque figli, come la mia, un posto a tavola si aggiungeva sempre volentieri. Con naturalezza, senza convenevoli o formalità, si condivideva ciò che la mamma aveva preparato con un altro “figlio” da coccolare ma anche da sgridare se necessario.
Non eravamo ricchi e la vita non era certo facile; la nostra povertà profumava tuttavia di poesia per la gioia delle piccole cose e la serenità nell’affrontare gli ostacoli che non ho incontrato mai più.

Il desiderio di affrancarsi da una condizione di povertà diventa per Guido una vera e propria esigenza. La cultura gli spalanca le finestre di nuove prospettive. Negli anni ‘40, studiare è davvero un privilegio per il figlio di un contadino. All’epoca Guido è adolescente; per tradizione, al termine delle scuole elementari, avrebbe dovuto continuare l’attività del padre. Una felice circostanza, assolutamente improvvisa e inattesa, gli regala la chance di abbandonare la terra, frequentare le scuole superiori e conseguire il diploma. Da lì, una vita in graduale ascesa non senza difficoltà, superate grazie a determinazione, fede profonda e alcuni eventi favorevoli. Si sposta in varie città d’Italia senza tuttavia mai dimenticare dove tutto è iniziato: tra l’odore di stalla, aratri e zolle.

Le esperienze della vita privata di Guido s’intrecciano con le vicissitudini familiari e incrociano la Storia: il ventennio fascista, la guerra, la Resistenza partigiana cui aderisce con passione ed entusiasmo. Dal carattere forte e risoluto, ha precise convinzioni animate da un forte senso di giustizia e libertà che lo impegna anche nelle lotte sindacali a favore della classe bracciantile.

Noi attivisti sentivamo la responsabilità di formare in contadini e operai una coscienza di classe, di educare il più possibile a un sentimento di unità e partecipazione, la sola garanzia per una protesta compatta e risultati concreti.

Non è stato difficile eclissarmi dietro l’io narrante di Guido. Ne ho assimilato lo spirito, condiviso le battaglie, partecipato emotivamente ad amori e affetti. La mia penna appare come naturale sbocco alla sua voce, un trait d’union tra lui e il lettore.

È importante che pezzi di Storia e frammenti di passato dal vissuto pregno di ideali escano dai confini ristretti di poche famiglie o generazioni. La scrittura serve a liberarli dallo scorrere del tempo per non farli morire ed evitare l’avvizzimento delle nostre radici che sono, ancora oggi, ben salde e vive nell’anima di Guido. Condividerne la bellezza e il pregio non è solo un’operazione culturale, è quasi un dovere civico.

Formato cartaceo in tutte le librerie.

Ordinabile on line qui:
Apostrofo Editore
IBS
Amazon
Feltrinelli
Libro Co.Italia

L’ Umberto Eco che mi piace

Oggi, 20 febbraio 2016, il mondo piange la morte di Umberto Eco e, seguendo l’abituale cliché, una schiera di lettori assidui nonché esperti conoscitori si presenta all’appello.

Una vita che se ne va è ogni volta un dolore, eppure si dovrebbe sempre pensare che l’artista non muore mai. Non resta nemmeno nel semplice ricordo, la sua immagine potrebbe presto affievolirsi e svanire, perciò è e sarà continuamente presente nelle parole che ha lasciato.

Non annovero Umberto Eco tra i miei scrittori preferiti, anzi ammetto che come romanziere non l’apprezzavo affatto. Ho letto solo Il nome della rosa, davvero splendido, libro complesso dalle molteplici chiavi di lettura, ormai sviscerato praticamente da tutti.
Dopo questa felice esperienza, ho affrontato Il pendolo di Foucault: una sfida non vinta. Iniziato varie volte e abbandonato sempre allo stesso punto, pagina più pagina meno. Stessa sorte per Il cimitero di Praga. Dopo di che ho gettato la spugna. Non ho nemmeno acquistato Numero Zero uscito lo scorso anno. Eppure sono un’avida lettrice e per me è una sconfitta non portare a termine un libro. Ma ho dovuto arrendermi.
Il mio rapporto con l’Eco autore di romanzi è stato quindi conflittuale. Stile troppo sovraccarico, pagine densissime, percorsi narrativi simili a un labirinto. Non apprezzarle è senza dubbio, forse, una mia lacuna.

Umberto Eco era ed è per me altro: un intellettuale nel senso proprio del termine, ossia un cultore della mente, uno speculatore, un pensatore, inoltre un libero pensatore.
E, last but not least, un grande traduttore, un autentico maestro.

Umberto Eco

Questo manuale è stato per me un vero punto di riferimento e lo sarà sempre: ecco l’Umberto Eco che mi piace.

Twitter: un romanzo globale

Ieri mattina ho avuto un’interessante, e piacevolissima, interazione su Twitter.
Tutto è nato così:

tweet

Ne è seguito un rapido scambio di opinioni sulla necessità di essere se stessi per rendere reale ciò che è virtuale; sull’abilità di alcuni di dissimulare e manipolare il linguaggio per cui, secondo una mia interlocutrice, “Twitter non è sempre facile … se non fingi”; sulla mia personale e precisa convinzione che le parole hanno un’anima, sono vive e che, prima o poi, mettono a nudo la vera identità di un individuo.
Dietro di loro, davanti allo schermo di un pc, di un tablet o di uno smartphone, esistono persone.
Difficile, anche per il più esperto giocatore di ipocrisia, gestire il potere della parola scritta. Bisogna conoscerne bene tutti i segreti, le molteplici sfaccettature … e non è da tutti. Presto o tardi, la maschera cade.

Ogni tanto “mi prendo una vacanza” da Twitter per poi tornarci perché, lo confesso, mi piace, e il mio interesse va oltre l’aspetto social.

Osservandolo nel suo insieme, mi attrae la sua struttura narrativa e ne ho già parlato in passato definendolo una sorta di Moderna Comédie Humaine.

Sono vite che si raccontano e si incrociano, un universo in cui ci si può perdere di vista, magari solo per poco tempo, per poi riunirsi di nuovo o allontanarsi definitivamente.
Sono opinioni che si incontrano, punti di vista che talora si scontrano, spesso anche in modo poco controllato, sono emozioni e sentimenti che si condividono.

È come se fosse un libro scritto in comune”, cito il commento della mia interlocutrice e, aggiungo, come se fosse un romanzo che si autoalimenta di vicende e personaggi e che potrebbe non finire mai.

Un romanzo privo di una trama tradizionale, in cui il racconto non è lineare ma discontinuo, in cui non esiste un Narratore onnisciente che, dall’alto e dall’esterno, organizza le azioni e le vicissitudini delle donne e degli uomini che vivono nelle sue pagine.

Un romanzo, inoltre, in cui il concetto di spazio è annullato.
Si postano foto, ma non esistono descrizioni di luoghi, classicamente intese, se non qualche fugace indicazione geografica. Scorrendo la timeline, l’ambientazione generale è astratta: si passa velocemente da una casa qualunque, a un ufficio qualunque, alla sede di un giornale, a una piazza, una strada, a un non ben identificato luogo di lavoro.

Soprattutto è assente la percezione del tempo cronologico.
È vero che i tweet vengono letti in sequenza, è normale; ma si “cinguetta” in contemporanea da più parti del mondo, simultaneamente, da Roma, New York, Tokyo; siamo immersi in riflessioni disparate e temi vari, anche discordanti e opposti tra loro e, ancora, espressi in lingue diverse.

Trovo tutto questo davvero affascinante!
La struttura narrativa di Twitter è quella di un racconto che si avvicina alla dimensione del reale in modo straordinario.

Le trame delle nostre vite sono un groviglio di fatti che si intersecano, una tela che si tesse e si espande in tutte le direzioni possibili. L’insieme di queste esistenze costituisce, in fondo, il “tessuto/testo” (R. Barthes)¹ del Tweetromanzo.

È come se fosse una sorta di libro globale che taglia la sfera terrestre in ogni longitudine e latitudine possibile proiettando contemporaneamente, nella totalità dei 140 caratteri, tutti gli avvenimenti dell’umanità intera e gli individui che la compongono.
Scompare il protagonista unico attorno al quale si costruisce la storia poiché l’esistenza del mondo è la somma dei microblogging in cui ognuno di noi è, al tempo stesso, scrittore e attore e, in questo insieme, narratore, narrato e lettore. L’ideale sarebbe poter leggere tutti ed essere letti da tutti.

L’effetto efficace della mise en abyme conferisce alla narrazione la prospettiva di una trama in divenire, di un suo sviluppo in lunghezza, larghezza, profondità.

Nadège Dauvergne, Mise en abyme, pierre noire sur papier, 16 mai 2009

Nadège Dauvergne, Mise en abyme, pierre noire sur papier, 16 mai 2009

Un romanzo tridimensionale, modernissimo nell’architettura, futuristico forse.

Credo non sia azzardato applicare a Twitter le riflessioni sul global novel espresse in Stefano Calabrese Il romanzo dopo il postmoderno, Piccola Biblioteca Einaudi, Torino 2005  di Silvia Di Pasquale:

I testi ridiventano cosmografie da cui è possibile osservare il mondo con una spiccata tendenza (definita olofiliaca ) a vedere porzioni amplissime degli spazi conoscitivi: il presente è un coacervo di realtà sconnesse ed eterogenee, apparentemente irrelate. ….
Non esistono più luoghi ma siti, ….. il romanzo globale fa parte di una realtà sopranazionale e transculturale, perde la territorialità …..

Era il sogno di Gide quando scrisse Les Faux-Monnayeurs (1925) (I Falsari); se fosse vissuto oggi, all’epoca di Twitter, vedrebbe la realizzazione di un suo progetto lasciato incompiuto.

¹ R. Barthes Le Plaisir du texte, Éd. du Seuil, Paris 1973 , Il piacere del testo, Einaudi, Torino 1975, 1989